Sei quì
Home / Ultimi articoli / Maiorca, itinerario family friendly dall’entroterra rurale al mare cristallino

Maiorca, itinerario family friendly dall’entroterra rurale al mare cristallino

Ci sono molti modi di visitare un luogo e lo stesso posto visto infinite volte non sarà mai uguale a prima. Queste sono solo due delle poche certezze che abbiamo maturato viaggiando in tutto il mondo con o senza bimbi.

Chi non conosce Maiorca potrebbe pensare che si tratti della classica isola spagnola assalita in estate da turisti di ogni dove, caotica, piena zeppa di grandi alberghi, assolutamente ordinaria. E invece…

MAIORCA_GIARDINO_BOTANICO

Complice una scelta last minute e la fretta di andare in un qualunque posto pur di cambiare un po’ aria, l’anno scorso, in pieno agosto, ci siamo catapultati qui. E all’arrivo… siamo stati investiti da un vento caldo ed accogliente che ci ha dato il benvenuto non appena scesi dall’aereo: profumo di mare, di terra arsa dal sole, di natura. Sensazioni del tutto inaspettate che ci hanno messo immediatamente di buonumore.

Il nostro viaggio è durato una settimana e, credeteci, ci ha lasciato a bocca aperta ad ogni tappa facendoci amaramente pentire di avere anche solo pensato cose poco carine di questo delizioso gioiello delle Baleari.

Ecco l’itinerario, dall’entroterra al mare della costa nord-occidentale dell’isola:

Durante la nostra permanenza mallorchina abbiamo girato l’isola in lungo ed in largo e le tappe e le esperienze che abbiamo selezionato di seguito sono state tutte provate e vissute in prima persona, per garantirvi non solo l’ottima qualità del risultato ma anche per rassicurarvi sulla percorribilità e fattibilità dell’itinerario, anche con bimbi piccolissimi al seguito. Partiamo dalle campagne della zona vitivinicola di Felanitx, a est della Serra de Tramuntana, per poi proseguire nel cuore dell’isola tra viste mozzafiato, zone collinari e montuose e parchi con una natura incontaminata come il Parc Natural de S’Albufera, piccoli e caratteristici villaggi a due passi dal mare come Pollenca e Soller e tappe intermedie, come quella a Cap de Formentor, per fotografare coste a picco su un mare cristallino che difficilmente dimenticherai. La storia di questo viaggio si conclude a Palma de Mallorca dove vi suggeriamo due esperienze di visita secondo noi imperdibili, prima di lasciare l’isola con l’idea di tornarci un giorno, per vivere un altro viaggio con occhi nuovi.

Iniziamo? Pronti, partenza, via!

MAIORCA_MULINO

Esperienze da non perdere…

  • Visitare (e magari soggiornare!) in una finca, una tradizionale tenuta agricola, della zona rurale di Felanitx per assaporare e vivere in prima persona alcune delle tradizioni locali più famose e gustose dell’isola, tra cui i prodotti agricoli (olio e mandorle per esempio) e il vino ottimo da degustare. Molte tenute offrono la possibilità di visite guidate anche in bicicletta o a cavallo con degustazione di prodotti della fattoria e dei terreni dell’azienda. Una su tutte: Es Fangar, una biofinca che ospita anche un allevamento di cavalli stupendi e nella quale si può pernottare. Assolutamente da non perdere se desideri regalarti un’esperienza davvero autentica!
  • Scattare una foto del panorama mozzafiato che si gode dal Santuari de Sant Salvador, a circa 6 chilometri da Felanitx, che si erge a 510m di altezza e che ospita un Hotel (un tempo monastero) davvero caratteristico in cui vi consigliamo di pernottare se vi piace l’idea di concedervi un soggiorno di una notte in un luogo davvero originale, da cui si possono ammirare vedute davvero splendide dell’isola. Il telefono non prende alla perfezione qui ma per una notte si può anche rinunciare alla tecnologia e condividere il tempo in famiglia gustandovi il silenzio e la pace che si respira tra queste mura. Rigenerante!
  • Fare birdwatching passeggiando per i sentieri del Parc Natural de S’Albufera, un vero polmone verde inaspettato su un’isola nota per le coste e il sole estivo. Se siete viaggiatori mediamente avventurosi, amanti della natura e non vi spaventa l’idea di percorrere un sentiero guidato all’interno del parco naturale con marsupio (niente passeggini, meglio evitare) un po’ di repellente naturale per insetti (olio essenziale di citronella in primis) e tanta voglia di respirare a pieni polmoni ascoltando il canto degli uccelli, allora questa tappa fa proprio per voi. I vostri bambini, piccoli e grandi, si divertiranno moltissimo a fare a gara di avvistamento volatili e i percorsi, svolti da guide esperte in tutta sicurezza, non durano più di 1 chilometro, disseminati di rifugi e piccole casette per il birdwatching. Un impegno davvero relativo per un’esperienza che invece regalerà moltissimo!
  • Restare senza fiato percorrendo la costa a picco sul mare che vi porta verso Cap de Formentor. La strada per arrivarci è un po’ tortuosa (allarme giallo/rosso se i tuoi bambini soffrono il mal d’auto) e se visitate l’isola in un periodo di alta stagione, la troverete certamente trafficata all’ennesima potenza – un vero peccato perché questo toglie certamente una bella fetta di poesia e di bellezza al luogo – ma vi garantiamo che vale la pena soffermarsi a visitarlo. La veduta dal Mirador de Sa Creueta è favolosa e il profumo di mare con il rumore delle onde che si infrangono sugli scogli vi faranno dimenticare per un attimo tutte le persone intorno a voi che saranno d’aiuto solo per chiedere di scattare una foto di famiglia per immortalare il momento. Un bar panoramico fornito di qualunque ben di Dio vi permetterà di concedervi anche una gustosa sosta pic nic prima di tornare all’auto per rimetterti in viaggio;
  • Ciondolare lentamente visitando senza fretta e senza mappa (avventurarsi e perdersi ogni tanto fa bene quando sei in vacanza e puoi permetterti di perdere tempo!) alcuni dei villaggi – e delle spiagge – più caratteristici di questa parte dell’isola. Platja de Formentor e Port de Pollenca vi regaleranno attimi di relax e tranquillità in riva al mare, a misura di famiglia ma fuori dalle rotte turistiche più di massa, i villaggi tipici di Biniaraix, Fornalutx, Soller e Deià invece vi accoglieranno permettendovi di immergervi nell’anima tradizionale e caratteristica di Maiorca, regalandovi scorci unici ed esperienze coinvolgenti. Una su tutte: il giro in tram che parte dal villaggio di Soller e in 2 chilometri raggiunge Port de Soller, sulla costa. Da qui potete partecipare ad una meravigliosa gita in barca che vi porterà a Sa Calobra, che offre percorsi particolarmente panoramici da poter affrontare sia in bicicletta (impegnativo con i bambini) che in auto (decisamente più comodo nonostante le strade sempre un po’ tortuose). Davvero suggestiva la gita al Monestir de Lluc, interamente visitabile e con foresteria annessa per poter pernottare, vale una gita anche solo per ascoltare i canti del coro che si esibisce al suo interno, fondato più di mezzo secolo fa. Programmate l’escursione la domenica mattina: resterete sbalorditi!
  • Percorrere (in auto) la strada panoramica che va da Pollenca a Andratx. I paesaggi sono davvero mozzafiato lungo la Serra de Tramuntana e potrete soffermarvi dove più vi piace per fare tappa e visitare i dintorni o programmare un’escursione di trekking non impegnativa (ce ne sono per tutti i gusti) lungo i sentieri creati per permettere agli escursionisti di esplorare la zona, anche in bicicletta. Preparate la gita per tempo, studiate il percorso e munitevi di zaini, portabimbi e cestini da pic nic con abbondante acqua e spuntini gustosi. Trascorrerete una giornata fantastica insieme alla vostra famiglia, immersa completamente della natura del posto.
  • Salutare l’isola facendo tappa a Palma de Mallorca, una cittadina spesso lasciata in secondo piano dai turisti attratti maggiormente dalle coste mallorchine più che dalla storia e dalla cultura del paese. Se saprete però progettare un itinerario di visita ben strutturato e originale, vi assicuriamo che Palma vi stupirà. Perdetevi nei suoi vicoli, visitate ciò che più vi incuriosisce, lasciatevi guidare anche dall’istinto e dagli angoli più nascosti e panoramici della cittadina. D’obbligo una visita alla Cattedrale, davvero enorme, bellissima nel suo stile gotico, leggero. Prendete per mano i bimbi (perché non faranno altro che camminare con il naso all’insù!) e portateli a vedere l’opera di Miquel Barcelò, nella Capilla del Santisimo: rappresenta la moltiplicazione dei pani e dei pesci, in ceramica, rivisitata dall’artista locale. Semplicemente meravigliosa! Altra tappa imperdibile specialmente quando la pancia reclama cibo è il Mercat de l’Olivar, il mercato alimentare cittadino, coperto, dove troverete ogni ben di Dio che la produzione locale possa offrire. Fate tappa al banco dei salumi e acquista Jamon Iberico per tutti. Seconda sosta: il banco del pane. Appostatevi sulle panchine della piazza esterna, preparate dei panini da urlo e addentateli come se non ci fosse un domani. Vi commuoverete per quanto saranno buoni!

MAIORCA_PORTO_MARE_TRAMONTO 

Ultime raccomandazioni:

 

    • Munitevi di marsupio, mei tai, fascia o portabimbi: se desiderate visitare una Maiorca diversa dal solito sarà necessario potervi muovere insieme ai vostri bambini in estrema autonomia. I passeggini non vi consentirebbero di raggiungere molti posti tra quelli suggeriti in itinerario, con il rischio di perdervi moltissimi scorci ed esperienze assolutamente da provare!
    • Studiate i percorsi escursionistici prima di partire. Viaggiare in modo indipendente richiede preparazione specie quando lo si fa con i bambini al seguito. Questo vi garantirà di prevedere la maggior parte degli imprevisti, di scegliere percorsi praticabili senza troppe difficoltà in base all’età dei più piccoli e alla vostra preparazione sportiva e di evitare rinunce dell’ultimo minuto perché vi siete resi conto che quella gita non fa per voi.
    • Noleggiate un’auto: libertà, indipendenza ed autonomia negli spostamenti, oltre che massima comodità. Questo lo può garantire solo il noleggio di un’automobile che quando si viaggia con i bambini è un mezzo preziosissimo per una serie di motivi che anche tu, da buon genitore, certamente conosci. Inoltre in auto sarà più semplice raggiungere determinate tappe che altrimenti vi sarebbero precluse.
    • Per pernottare scegliete l’autenticità: vi sconsigliamo vivamente i grandi alberghi più turistici. L’isola è fornitissima, specialmente nella zona nord, di soluzioni di alloggio confortevoli, di qualità e a basso impatto ambientale. Una finca è la scelta più originale se si vuole trascorrere una vacanza completamente immersi nella cultura, nelle tradizioni e nella vita sociale del posto e tra l’altro fornisce l’autonomia e le comodità di abitare in una casa, a nostro avviso la scelta ideale quando si viaggia con i bambini.

Che dire… Buon viaggio!

BabyGuest
BabyGuest
A noi piace tutto quello che è bello, buono e nuovo e ci piace condividerlo con i "nostri compagni di viaggio". Seguiteci, ci divertiremo. Parola di Babyguest! E scriveteci su: info@babyguest.com

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in magazine.babyguest.com acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi