Sei quì
Home / In viaggio con... / Iolanda Restano: I nostri viaggi in 5 alla scoperta dell’Europa (rigorosamente on the road)  

Iolanda Restano: I nostri viaggi in 5 alla scoperta dell’Europa (rigorosamente on the road)  

 

Tutti in macchina e via… Alla scoperta del Vecchio Continente. E i ricordi si sprecano. Come quella volta in houseboat tra i canali di Amsterdam e dintorni…

A tu per tu con Iolanda Restano, imprenditrice e mamma di tre splendidi ragazzi che assicura: «La perfezione non esiste!». E tutte noi consiglia: «Viaggiate con le vostre amiche».

 

 

«Avere tre figli è un gran casino. Diciamocelo! Però è divertente, stimolante, impagabile…». Iolanda Restano, deus ex machina di Fattore Mamma, agenzia di comunicazione tutta al femminile giunta orami al decimo anno di attività mettendo a sistema anche 300-350 mamme blogger, parla chiaro. E al magazine di BabyGuest confida: «Il segreto è lasciarsi andare. Al bando la perfezione! Altrimenti diventi matta e rischi di perdere il filo…». Iolanda è mamma di Matilde, 19 anni, alle prese proprio in queste ore con l’esame di maturità, Tommaso, 17 anni, e Aurora, 13 anni, chiamata a sostenere le prove di terza media. «Sono giornate concitate in famiglia» scherza la mamma, che sarà anche fuori dal tunnel di pannolini & co ma c’è da scommetterci ha altri grattacapi. «Ogni età ha i suoi» dice serafica. E rilancia: «Io e mio marito ci siamo quando serve. I nostri figli però sono più che autonomi. Nel preparare gli esami. Ma anche nella gestione della propria quotidianità».

 

Questione di sopravvivenza?

Anche! Con Matilde ero maniacale, o quasi. Se mangiava anche solo un biscotto nel passeggino ero solita poi assicurarmi che non rimanesse nemmeno una briciola. Con Tommaso sono certa che qualche briciola c’è rimasta pure a distanza di giorni. Con Aurora se capitava che il passeggino si macchiasse di gelato esclamavo: “E vabbè… nessuno è mai morto per una macchia di gelato…”. Stessa cosa per i corsi di nuoto…

 

Cioè?

Con la prima ho fatto il corso di acquaticità: non perdevamo nemmeno una lezione. Con il secondo di lezioni ne abbiamo perse parecchie. Con la terza sono stata categorica: “Andrai in piscina quando potrai entrare in acqua da sola… Stop!” E così è stato. Non credo che Aurora me lo rinfaccerà un giorno… Almeno spero! Fa parte del gioco delle famiglie numerose. E poi il corso di acquaticità credo si faccia per definizione solo con il primogenito. Credo… (ride…)

 

Siete soliti viaggiare in famiglia?

Assolutamente si! È la nostra passione. Quando eravamo in due abbiamo viaggiato tantissimo. In Italia e all’estero. E anche con Matilde non ci siamo mai fermati. Con l’arrivo di Tommaso invece devo confessare che sì… ci sono stati almeno un paio d’anni di stop.

 

È impossibile viaggiare con due bimbi piccoli?

Impossibile no, ci mancherebbe. Ma sicuramente non facile. Così abbiamo optato per la comodità. E per qualche meta vicina, magari nell’amatissima Toscana. Ancora oggi è una delle nostre destinazioni preferite. E quando andiamo ci rifugiamo nell’agriturismo «Il grande prato», a Castelfiorentino, nel cuore della campagna toscana. È a gestione familiare, si mangia benissimo, ha la piscina… È adattissimo anche ai più piccoli. Ci ho organizzato persino il primo raduno delle mamme blogger, ormai diversi anni fa.

 

Qual è il vostro viaggio ideale?

On the road. Abbiamo una formula ormai rodata che fa felice tutta la famiglia: scegliamo una destinazione da visitare, affittiamo una bella casa nei dintorni, sempre fuori città, seppure vicino, e via… Si parte in macchina, si fanno le tappe che si vogliono fare e una volta arrivati… massima libertà! Si visita il posto, ci si rilassa in giardino, si fanno le gite in giornata o anche per più giorni.

Quindi sì alle case, no agli alberghi?

Ogni soluzione ha i suoi vantaggi. Ma soprattutto con i bimbi piccoli avere una casa a disposizione è utilissimo. Anche perché non è affatto detto che abbiano sempre voglia di macinare chilometri. E così avere un giardino a disposizione dove farli giocare può diventare strategico. E soprattutto rilassante. Per tutti!

 

Hai qualche destinazione da consigliare alle nostre lettrici?

Abbiamo fatto tanti viaggi, tutti bellissimi. Ma Amsterdam e Salisburgo credo siano tra le mete che abbiamo più amato. Raggiungerle in macchina è già una vacanza nella vacanza. Entrambe sono città magnifiche, ricche di storia, cultura, divertimenti… In Olanda in particolare abbiamo affittato una houseboat e abbiamo navigato per alcuni giorni nei canali circostanti. È una esperienza magnifica. Non ci vuole la patente nautica, basta solo un po’ di buon senso. Ti fermi come e quando vuoi, visiti i paesini circostanti, dormi a bordo…

 

 

 

 

 

È vero! Anche noi di BabyGuest abbiamo fatto un viaggio simile, seppure in Francia, lungo il Canal du Midi. E anche in Italia è possibile farlo, persino a Venezia…

Vero! È un viaggio consigliatissimo! Per tutti! Ma per i bimbi in particolare credo sia indimenticabile.

 

E Salisburgo?

Lì a lasciarci di stucco sono state la miniere di sale. E, soprattutto, il modo di visitarle…

 

Cioè?

Ci hanno infilato delle tute da minatore, caricato su un trenino, e lanciati nelle viscere della montagna. A fine corsa, poi, dovevamo buttarci giù per degli scivoli e arrivare così nel cuore delle miniere… Per me è stato un po’ claustrofobico, a dire il vero. Ma i miei figli urlavano dalla felicità!

 

 

 

Italia, Europa… Qualche meta extra-Ue?

Quest’estate per la prima volta andremo tutti insieme Oltreoceano. Stiamo studiando ogni spostamento. Si parte dalle isole Turks e Caicos, nel cuore dell’Atlantico. Si tratta di un arcipelago di 40 isole coralline a sud-est delle Bahamas. Poi voleremo in Canada, a Toronto. Prima tappa: le cascate del Niagara. E da lì visiteremo tutto il Québec. Rigorosamente on the road. E infine ci regaleremo una settimana nella magnifica New York. Non vedo l’ora!

 

Sarete in formazione completa?

Si, sebbene solo nell’ultima settimana. Matilde ci raggiungerà a New York. Ormai è grande. Preferisce le amiche… Ma posso capirla. Anch’io ho deciso di fare altrettanto e di regalarmi una volta l’anno qualche giorno di relax con le sole amiche.

 

 

 

 

 

Un viaggio di sole donne?

Esatto. È un’esperienza che consiglio a tutte le mamme (e non solo)! È fantastica per chi la vive ma sono certa che pure in famiglia apprezzano qualche giorno senza la mamma e la moglie… (ride…). L’anno scorso siamo state a Parigi, una meta classica, sempre magnifica… Non avevamo bisogno di grandi cose, ci bastava camminare per i boulevard, fermarci in qualche bistrot, visitare uno o due mostre… Stupendo. E salutare! Quest’anno vedremo… Vi saprò dire!

BabyGuest
BabyGuest
A noi piace tutto quello che è bello, buono e nuovo e ci piace condividerlo con i "nostri compagni di viaggio". Seguiteci, ci divertiremo. Parola di Babyguest! E scriveteci su: info@babyguest.com

Articoli simili

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in magazine.babyguest.com acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi