Sei quì
Home / Salute / La varicella

La varicella

La varicella è una malattia esantematica comune dell’infanzia causata dal virus Varicella zoster (Vzv). Ha una manifestazione clinica caratteristica ed è solitamente facilmente diagnosticabile. È molto contagiosa e frequentemente si osservano piccole epidemie nelle scuole o all’interno dei nuclei familiari. Il bambino affetto inizia ad essere contagioso 48 ore prima della comparsa dei sintomi e permane tale fino a quando tutte le vescicole non diventano croste. L’infezione si trasmette sia per via aerogena, quindi attraverso le goccioline di saliva che il bambino diffonde nell’ambiente, sia tramite il contatto diretto con le lesioni cutanee. Dal momento del contagio alla manifestazione dei sintomi possono passare fino a 21 giorni. La malattia esordisce con malessere, talvolta febbre e la comparsa di vescicole a livello del tronco. Queste ultime si diffondono poi al volto e agli arti con un tipico andamento a poussè, quindi nei giorni successivi si potranno osservare lesioni in diverso stadio evolutivo: piccole macule rossastre e piane si trasformano in vescicole a contenuto sieroso che vanno poi incontro a rottura e guariscono diventando croste. Nella quasi totalità dei casi la varicella si contrae una sola volta nella vita poiché l’immunità che consegue al contatto con il virus è duratura.

Ed ora arriviamo a qualche consiglio pratico: cosa è utile sapere per gestire al meglio il nostro bambino dopo una diagnosi di varicella? Anche se nella maggior parte dei casi la malattia ha un andamento benigno ricordiamoci che anche la varicella può andare incontro a complicanze, la più comune delle quali è la sovrainfezione delle vescicole. Per evitare l’infezione batterica è fondamentale che il bambino abbia sempre le mani pulite, le unghie corte e che si gratti il meno possibile. Per il prurito è utile la somministrazione di un antistaminico per via orale e l’utilizzo di indumenti di cotone a contatto con la pelle. Le vescicole possono comparire anche a livello del cavo orale provocando dolore soprattutto durante i pasti; proporre cibi freschi e morbidi ed applicare gel specifici sulle lesioni può alleviare i disturbi. Se il dolore è particolarmente intenso o in caso di febbre il paracetamolo è il farmaco da prediligere; in corso di varicella infatti l’ibruprofene è sconsigliato. Infine ricordiamoci di far visitare nuovamente il bambino dal pediatra se dovessero comparire delle vescicole sui bordi palpebrali o si notasse un arrossamento dell’occhio dato che il Vzv può essere causa di cheratiti. Solitamente la guarigione avviene in 7-10 giorni.

 

Policentro Pediatrico
Policentro Pediatrico

Policentro Pediatrico è uno studio medico situato nel centro di Milano dedicato all’infanzia.
In uno studio accogliente e a misura di bambino lavorano in équipe medici pediatri e specialisti con l’obiettivo di fornire alle famiglie un servizio di qualità in tempi rapidi e costi accessibili. Scoprite i nostri servizi su: www.policentropediatrico.it

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in magazine.babyguest.com acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi